Make your own free website on Tripod.com
La ricetta della settimana

Broda del legionario
Ingredienti per 2-4 persone

Difficoltà : Facile
Tempo di preparazione : indefinito

I legionari hanno due grandi peculiarità : riescono a sopravvivere dovunque si trovino e combattono con una cattiveria inaudita. Vi sarete chiesti come facciano (beh, io me lo sono chiesto), ebbene, questa settimana il vostro cuoco preferito vi svelerà il loro segreto...
In mezzo all'equipaggiamento d'ordinanza di ciascuno di essi c'è una piccola pentola, solitamente inutile per il combattimento, ma che , come vedrete, riveste un ruolo fondamentale nella preparazione del piatto.
Un'avvertenza: è consigliabile tentare la preparazione di questo piatto solo se si è deciso di intraprendere un viaggio, perchè anche la stanchezza fisica, la lontananza dagli agi e l'esplorazione di terre sconosciute sono parti importanti per ottenere una buona broda del legionario.

Ingredienti : la vera forza di questo piatto è che non esiste una vera e propria lista di ingredienti; infatti il legionario deve poter preparare la sua broda preferita (?) in ogni stagione, ad ogni latitudine, quindi in pratica è possibile utilizzare qualunque cosa si trovi a portata di mano: carne, pesce, vegetali, di tutto insomma.
Sono inoltre necessari : la tipica pentola da legionario, un cucchiaio di ferro, bicipiti forti e stomaco corazzato, acqua q.b.

Preparazione : ogni giorno, all'ora del pasto, procuratevi qualcosa di commestibile (come detto, qualunque cosa sia) e ficcatelo nella pentola con abbondante acqua. Accendete il fuoco , metteteci la pentola e lasciatecela fino a che l'acqua non sia evaporata tutta, girando di tanto in tanto con il cucchiaio.
Alla fine otterrete un composto alquanto denso; togliete dal fuoco e servitevi, avendo l'accortezza di lasciare un po' di broda in fondo alla pentola. Questo "fondo" si accumulerà giorno per giorno, finchè, dopo una settimana buona di viaggio, qualunque cosa voi mettiate nella pentola, il sapore risultante sarà sempre uguale. Non è detto che sia gradevole, ma comunque il segreto sta nel farci l'abitudine.
Naturalmente, alla fine del viaggio la pentola va buttata via (una fossa di tre metri di profondità è sufficiente per evitare problemi).
Per quanto riguarda la cattiveria nel combattere, è la parte più facile: se, dopo alcuni giorni di viaggio doveste malauguratamente incontrare qualche malintenzionato l'unica cosa da fare sarà focalizzare nella mente la quantità di broda che avete già ingurgitato, dando la colpa dell'accaduto al vostro nemico...
Vi assicuro che quando avrete finito di picchiarlo e di insultarlo assomiglierà davvero tanto alla vostra broda, per consistenza e colore...

Avvertenza : è vietato dalle leggi di tutti i paesi preparare questo piatto a meno di trenta miglia da un centro abitato.

Volete tornare all' indice  ?
Volete vedere la  ricetta  della settimana scorsa ?